Una delle cose che in questi anni governati dalla pandemia è mancata a tutti di più è probabilmente la spensieratezza che soltanto gli eventi del mondo dello spettacolo sanno donare.

La musica dal vivo, un bel film visto comodamente dalle poltrone di un cinema, le feste, i balli.

Ma a tanti quello che è mancato di più e che più di ogni altra cosa sa regalare delle sincere risate sono gli spettacoli teatrali. Il teatro è il perfetto connubio tra cultura e divertimento, fra analisi sociale e la spensieratezza dell’ironia con cui certe tematiche vengono affrontate.

Fortunatamente anche questo settore sta pian piano tornando ad operare e in Puglia si distingue l’associazione teatrale ad Altamura. La compagnia si fa chiamare con il nome de La Banda degli Onesti e si distingue per uno stile davvero unico.

Spettacoli divertenti in dialetto pugliese vogliono divulgare in tutto il Bel Paese la cultura locale di questa regione ricca d’arte, portando al loro pubblico dinamiche di vita quotidiana, scorci di queste dinamiche sociali, della tradizione di un popolo.

Il tutto in chiave ironica e divertente, ma che con il sorriso racconta anche i momenti più bui, le situazioni più crude che si celano dietro la realtà della società moderna.

Il pubblico che sceglie di andare a vedere uno spettacolo di questa compagnia teatrale, sceglie sì di passare una serata di divertimento, ma anche di affrontare delle tematiche importanti che porteranno a delle riflessioni molto profonde, che potrebbero aprire interessanti dibattiti.

Infatti la prerogativa de La Banda degli Onesti è quella di rappresentare la loro cultura, la tradizione locale e la società moderna in generale nella maniera più realistica possibile, pur celata dietro il velo dell’ironia.

Il nome della compagnia deriva dal fatto che dal lontano 2003 organizzano il Festival Nazionale del Teatro Comico, dedicato a Totò.

 

Di editor